top of page

CHIRURGIA ESTETICA DEL VISO

Lifting del viso e del collo

Blefaroplastica

Rinoplastica

Otoplastica

 

Concetti generali sul Lifting del viso e del collo

FACIAL AND NECK

                                                                                           

Il lifting del viso e del collo può migliorare notevolmente il contorno e l’aspetto del viso . Con l'invecchiamento  la pelle e i muscoli facciali sottostanti diventano rilassati perdendo tono ed elasticità . Questi elementi , spesso combinati con gli effetti del sole o con pregresse significative perdite di peso,  provocano l’inflaccidimento e l’alterazione delle linee anatomiche del viso. Parallelamente può sussistere anche perdita del volume dei depositi adiposi del viso così come dei tessuti sottocutanei. Un lifting può in parte invertire questi cambiamenti, in particolare correggendo le linee del collo e del contorno mandibolare. A volte questa procedura può essere complementata  con una lipoaspirazione del grasso del collo e del sottomento , con una blefaroplastica, e/o con innesti  di grasso per ripristinare ( ad esempio a livello delle guance ) l’idoneo volume e spessore dei tessuti . Concetto fondamentale della combinazione di queste metodiche di ringiovanimento facciale, è che un face lift correttamente eseguit, consente non la semplice “trazione” della cute, ma un vero riposizionamento dei tessuti anche sottocutanei e muscolari del viso. 

 

Facelift

Comporta normalmente un perimetro di cicatrici in buona parte nascoste. Infatti l’incisione può comprendere la regione temporale ma all’interno della linea dei capelli. Una porzione temporaneamente visibile ,ma soggetta in genere ad un eccellente esito cicatriziale, riguarda la porzione anteriore dell’orecchio per poi passare dietro al lobo e nel solco posteriore dell’orecchio stesso. La cicatrice può terminare usualmente di nuovo all’interno della linea dei capelli posteriormente al padiglione auricolare. Al fine di correggere la linea anteriore del collo e di minimizzare la flaccidità di cute e muscolatura del collo stesso , può essere necessaria anche una cicatrice lineare nella regione sottomentoniera.     

         

Cicatrici

Le cicatrici sul viso tendono a guarire molto bene. Anche se inizialmente leggermente rosate , nei primi mesi tendono a schiarirsi progressivamente . La maggior parte dei pazienti forma sul viso cicatrici di ottima qualità nel tempo. Il periodo di tempo varierà ovviamente per ogni singolo paziente ma solo raramente alcuni pazienti tendono a formare cicatrici ipertrofiche.

fumo

Se sei un fumatore, devi assolutamente  smettere per otto settimane prima e due settimane dopo l'intervento chirurgico. In tal modo si può ridurre le possibilità di complicanze connesse alla nicotina da sigaretta. Il lifting è infatti molto soggetto a problemi legati al fumo.

Lunghezza dell’intervento

L'operazione richiede 2,30 - 4 ore a seconda del tipo di tecnica utilizzata.

Durata del ricovero 

Di solito una notte o max due.

Drenaggi 

L'uso di un piccolo drenaggio chirurgico sotto la pelle del viso è comune per rimuovere sangue / siero  . Questo di solito viene rimosso il giorno dopo l'intervento chirurgico.

Lividi e gonfiore

Le persone variano nel recupero, ma normalmente i lividi possono essere visibili per 2-3 settimane a seconda dei casi. La maggior parte dei pazienti dopo una settimana max 10 giorni  si sente in grado di tornare al lavoro. È però normale il gonfiore e la presenza di lividi nelle prime 2- 3 settimane che tende a ridursi progressivamente . Il vero e proprio risultato definitivo viene quindi normalmente ottenuto in 3 mesi dopo l’intervento.

Esercizio fisico

I pazienti di solito si sentono in grado di camminare normalmente dopo 5-7 giorni. Ma L'esercizio fisico intenso (aerobica ecc.) dovrebbe essere evitato per 6 settimane.

Face lift.PNG

Potenziali complicanze con lifting del viso e del collo

Questa è un’intervento che è un grande successo per la stragrande maggioranza dei pazienti. Tuttavia, come in ogni procedura, è molto importante conoscere  Le potenziali complicanze:

  •  Necrosi cutanee: questo è estremamente raro e si verifica se l'apporto di sangue alla pelle è insufficiente. Il rischio è statisticamente maggiore in pazienti che sono forti fumatori.

  •  Sensibilità cutanea alterata: questo è comune inizialmente dopo l'intervento chirurgico, ma per la maggior parte dei casi , la sensibilità rientra nella norma nell’arco di qualche settimana.

  • Cicatrici: il risultato delle cicatrici può variare tra paziente e paziente , ma mediamente la componente visibile davanti all’orecchio è di eccellente qualità.

  •  Riaperture parziali della ferita chirurgica: sebbene non comune, ciò può comportare un ritardo nella guarigione della e una qualità della cicatrice più scadente.

  •  Sanguinamento: un ematoma può accumularsi al di sotto dei lembi cutanei, il che porterebbe prevedere di tornare in sala operatoria  per la sua rimozione. Tuttavia ancorché rara, questa complicanza ( 1% ) normalmente avviene entro le prime 24 ore dopo l'intervento cioè durante in ricovero.

  •  Infezione: rarissima nella chirurgia estetica del viso, ma se si verifica sarà necessario un ciclo di antibiotici.

  • Lesioni nervose : le lesioni al nervo facciale sono molto rare ma possono provocare una paralisi perlopiù temporanea di alcuni muscoli facciali. Le aree più comunemente interessate  sono il sopracciglio e l'angolo della bocca. 

EYELID SURGERY

CHIRURGIA DELLE PALPEBRE (Blefaroplastica)

Blepharoplasty.png

La chirurgia delle palpebre (blefaroplastica) è una forma di trattamento per le borse e l’eccedenza cutanea delle palpebre superiore e inferiore.

Le borse palpebrali sono una combinazione di pelle eccedente con o senza grasso protrudente al di sotto della palpebra. Questo può far sembrare gli occhi stanchi o "gonfi" con un conseguente sguardo appesantito . Le persone più avanti con gli anni di solito presentano eccedenza cutanea con quantità variabili di grasso, mentre le persone più giovani tendono ad avere borse adipose prominenti.

 

L’intervento 

La blefaroplastica standard consiste nel rimuovere la pelle eccedente indesiderata e quindi rimuovere o occasionalmente ridistribuire il grasso sporgente al di sotto della palpebra superiore o inferiore. Le incisioni sono appena sotto il margine ciliare della palpebra inferiore e posizionate nel solco palpebrale a livello invece della palpebra superiore. 

Le incisioni sulle palpebre guariscono molto bene diventando praticamente invisibili specie a livello della palpebra superiore. L'uso di ombretto e mascara rende più facile nascondere le cicatrici nei primi giorni di postoperatorio.

Cicatrici

Le cicatrici sulle palpebre come ricordato , tendono a guarire molto bene. Anche se inizialmente un po rosate nelle prime settimane, diventano chiare nel giro di poche settimane  La maggior parte dei pazienti forma  quindi cicatrici di ottima qualità nel tempo. E’ rarissimo sulle palpebre osservare

cicatrici rilevate o ipertrofiche.

 

Durata dell’intervento 

Una blefaroplastica superiore ed inferiore dura mediamente 1,30-2.0 ore . Le palpebre

superiori possono essere trattate in anestesia locale e in day hopsital . Qualora siano

da operare le quattro le palpebre si indica normalmente una sedazione o a seconda

dei casi una anestesia generale col pernottamento. 

Suture

Una sutura continua  o sottili punti separati verranno posizionati su ciascuna palpebra trattata. Le suture vengono generalmente rimosse intorno al 4-5 giorno.

Recupero postoperatorio

I pazienti dovrebbero considerare almeno 1-2 settimane di recupero. Anche se la maggior parte dei pazienti avrà visibili solo i lividi e il gonfiore che potrebbero comunque creare disagio nel tornare al lavoro. La maggior parte dei lividi evidenti sarà comunque riassorbita entro la seconda-terza settimana.

Esercizio fisico

L'esercizio fisico intenso (aerobica ecc.) Dovrebbe essere evitato per 4 settimane.

Risultato finale

Sebbene il risultato possa essere evidente all'inizio ancorché in presenza dei lividi, questo continuerà a migliorare e a definirsi nei primi tre mesi.

Blepharoplasty incisions.png

Potenziali complicanze con la chirurgia delle palpebre (blefaroplastica)

Questa è un'operazione di routine di un grande successo per la stragrande maggioranza dei pazienti. Le potenziali complicanze sono comunque elencate di seguito.

  • Piccoli gradi di asimmetria: la stessa operazione verrà eseguita su entrambi i lati. Vi è un piccolo rischio di lievi irregolarità nelle superfici della pelle su entrambi i lati.

  • Cicatrici: la qualità delle cicatrici varia tra i pazienti anche se nella stragrande maggioranza è di eccellente qualità.

  •  Ematomi : un coagulo di sangue può accumularsi sotto la pelle palpebrale, il che porterebbe comportare nelle prime ore dopo l’intervento il ritorno in sala operatoria  per la sua rimozione.

  • Lesioni oculari: La più comune può essere una piccola abrasione della cornea (parte anteriore del bulbo oculare), che sebbene fastidiosa guarisce senza danno in pochi giorni.

RHINOPLASTY

RINOPLASTICA

rhinoplasty 1.PNG

l’intervento in generale 

La tecnica specifica dipenderà dall'area da trattare, ma comporterà normalmente un modellamento della cartilagine e delle componenti ossee ossa del dorso nasale  così come anche delle cartilagini della punta. Quando lo scopo della rinoplastica si concentra principalmente sulla rimozione della gibbosità dorsale , l'intervento viene solitamente eseguito dall'interno delle narici ed è noto come “rinoplastica chiusa”. Quando devono essere trattate  le cartilagini delle punta nasale , viene eseguita invece una “rinoplastica aperta” che comporta una piccola incisione sulla columella (il tratto di cute presente tra le narici).

Dorso nasale 

Le componenti cartilaginee e ossee eccedenti saranno rimossi dal dorso del naso, che viene quindi fratturato . Ciò comporta sia la rimozione del gibbo sia il restringimento del naso nella sua componente dorsale.

Punta nasale 

Quando la punta del naso deve essere trattata in quanto troppo proiettata o bulbosa , la struttura cartilaginea che la sostiene e la compone anche nelle sue parti laterali , dovrà essere rimodellata. 

Cicatrici

La rinoplastica sia chiusa che aperta comporterà cicatrici molto piccole / non visibili. La rinoplastica chiusa viene eseguita all'interno della narice e le cicatrici all'interno del naso praticamente spariscono col tempo . Per i pazienti sottoposti a rinoplastica aperta, l'incisione della Columella guarisce molto bene e diventa anche molto difficile da notare in pochi mesi.

Durata dell’intervento 

L'operazione richiede circa 1,30 - 3 ore a seconda della tecnica.

Ricovero

Di solito si richiede il ricovero di una notte , ma gli interventi

correttivi sulla punta nasale che non prevedono la frattura ,

possono essere selettivamente eseguiti in day hospital.

Medicazioni 

Uno “scudo” protettivo e adesivo verrà posizionato sul naso e

tenuto in posizione per 8-10 giorni . Un pad assorbente verrà

posizionato all’interno delle narici ed usualmente rimosso

dopo 12-24 ore . 

 La maggior parte dei pazienti può presentare, in relazione al

normale gonfiore postoperatorio,  difficoltà a respirare

attraverso il naso per un massimo di 2 settimane.

Esercizio fisico

L'esercizio fisico intenso (aerobica ecc.) Dovrebbe essere evitato per 4-6 settimane.

 

Risultato finale

Rientra nel normale andamento del postoperatorio la presenza di lividi e gonfiori evidenti soprattutto per 3-settimane . Anche se i lividi si attenuano e scompaiono dopo tale periodo , l’edema dei tessuti nasali richiede diversi mesi per diminuire progressivamente . Il risultato finale, in particolare a livello della punta nasale ,  si potrà considerare stabilizzato dopo 8-12 mesi dall’intervento .

rhinoplasty 4.PNG

Potenziali complicanze con rinoplastica

Questa intervento è normalmente di grande e positivo impatto per la stragrande maggioranza dei pazienti. Tuttavia, come in ogni intervento chirurgico è importante conoscere le potenziali complicanze qui di seguito elencate:

  • Sanguinamento. Un modesto sanguinolento dalle narici è considerato normale e si arresta in genere nelle prime 24 ore. In un piccolo numero di casi l'emorragia può essere più significativa e comportare di dover tornare in sala operatoria per controllarlo.

  • Cicatrici: sia la rinoplastica chiusa che quella aperta comportano esiti cicatriziali minimi e spesso non visibili già dopo alcune settimane.

  • Infezione:anche se  molto rara potrebbe richiedere un ciclo di antibiotici.

 

  • Irregolarità sotto la pelle del naso . Anche se non comune, se il dorso del naso viene trattato per rimuovere un un gibbo , le ossa nasali e la cartilagine l possono presentare piccole irregolarità che possono essere palpabili sotto la cute nasale.

  • Asimmetria. Possono residuare sottili differenze tra i due lati del dorso nasale o della punta connesse alla diversa posizione dell'osso o delle cartilagini.

  • Dolore: un limitato numero di pazienti può riferire un modesto dolore per alcune settimane dopo l'intervento.

  • Perdita di odore e sapore: questo è di solito temporaneo e raramente si protrae nei mesi seguenti l’intervento di rinoplastica.

  • Gonfiore: di solito i pazienti notano un limitato gonfiore che tende ad attenuarsi progressivamente nei mesi successivi. In particolare con la rinoplastica aperta, l’edema della punta nasale può impiegare più tempo a stabilizzarsi.

OTOPLASTIA

OTOPLASTY
Otoplasty.png

L'otoplastica è finalizzata a rimodellare le orecchie e avvicinare le orecchie sporgenti alla testa. Le "orecchie ad ansa“ sporgenti possono essere motivo di imbarazzo e stress per adulti e bambini. La chirurgia rimane la forma di trattamento più comune, ma dovrebbe essere presa in considerazione solo dopo che lo sviluppo del padiglione auricolare si è stabilizzato in genere dall'età di 7 anni in poi. Sebbene l'intervento chirurgico possa aver luogo in qualsiasi momento della vita, il momento migliore è durante l'infanzia. L'intervento ha generalmente maggior successo ed evita l'ansia associata durante l’età infantile. È ancora certamente eseguibile nell’adulto, sebbene il tasso di successo sia un po 'più basso .

 

L’intervento

Diverse parti di una o entrambe le orecchie possono essere trattate a seconda del problema, e talvolta può essere più di un problema. Le aree comuni trattate includono la conca al centro dell'orecchio  che può essere troppo grande. Un'altra area trattata è il bordo dell'orecchio noto come “Elice” o “Antielice” a seconda della parte anatomica  del padiglione auricolare.

La chirurgia ruota attorno alla ristrutturazione o al riposizionamento della cartilagine dell'orecchio. L’accesso chirurgico avviene dietro l'orecchio e la rimodernamento cartilagineo eseguito da questa incisione. Esistono diversi tipi di intervento a seconda della causa e del grado stesso della prominenza. Le varie opzioni e quella più adatta al singolo caso saranno discusse durante la visita.

Cicatrici

Le cicatrici posteriori sulle orecchie tendono normalmente a guarire molto bene . Anche se un po’ scure inizialmente nel primo periodo, nelle settimane successive tendono gradualmente a schiarire. È molto raro che si producano cicatrici ipertrofiche.

Durata dell’intervento 

L' intervento richiede mediamente 1,30-2 ore per entrambi i lati, a seconda della tecnica. Questo può essere eseguito in anestesia locale e sedazione oppure generale negli adulti, ma sempre in anestesia generale nel trattamento di bambini dai 7 anni in poi.

Durata del ricovero

I pazienti vengono generalmente trattati in Day Hospital e più raramente con una notte di ricovero.

Medicazioni e suture 

medicazioni in garza grassa saranno applicate sulle incisioni e sulla cute dell’orecchio,  i punti di sutura saranno rimossi dopo 7-10 giorni. Una apposita fascia elastica per la testa dovrà essere indossata per i primi 7 giorni in modo continuativo.  I pazienti dovranno continuare però ad utilizzarla stabilmente durante la notte per altre 6 settimane, per proteggere le orecchie da qualsiasi movimento durante il sonno. I lividi nelle zone trattate scompariranno progressivamente in 2-3 settimane.

 Esercizio fisico

 L’esercizio intenso intenso (aerobica ecc.) Dovrebbe essere evitato per 4-6 settimane e gli eventuali sport di contatto per 8 settimane.

Esito finale

Sebbene la maggior parte del risultato sia evidente all'inizio, continuerà a migliorare nei primi tre mesi man mano che tutto il gonfiore tenderà a recedere.

Potenziali complicanze con l'otoplastica

Questa è un’intervento  di grande risultato per la stragrande maggioranza dei pazienti. Tuttavia, come in ogni procedura chirurgica, è molto importante conoscere le potenziali complicanze che sono elencate di seguito.

  • Recidiva: ciò può verificarsi in circa il 6% dei casi specialmente negli adulti . Deriva dalla "memoria" della cartilagine che si sta lentamente riformando. Se ciò accade, di solito si tratta di una recidiva parziale senza un grado di deformità paragonabile a prima dell'intervento chirurgico.

 

  • Piccoli gradi di asimmetria: l'operazione può essere eseguita su una o entrambe le orecchie a seconda delle esigenze del paziente. È importante notare che ogni padiglione auricolare può essere  diverso, e quindi gli effetti dell’intervento possono essere leggermente diversi su ciascun orecchio. 

 

  • Cicatrici: la qualità delle cicatrici varia tra i pazienti. La maggior parte dei pazienti formerà cicatrici di buona qualità nel tempo.

 

  • Deiscenza della ferita: sebbene molto rara, ciò può comportare un ritardo nella guarigione della ferita e nella qualità della cicatrice.

 

  • Infezione: evenienza molto rara ma che se si verifica potrebbe rendere necessario un protratto ciclo di antibiotici.

 

  • Sensibilità alterata: questo problema di solito si recupera dopo alcune settimane dopo l’intervento .

bottom of page