top of page

CHIRURGIA ESTETICA DEL SENO

Aumento del Seno ( Mammoplastica Additiva )

Riduzione del Seno ( Mammoplastica riduttiva )

Sollevamento del Seno ( Mastopessi )

Asimmetrie del Seno

Trasferimenti di Grasso Autologo ( Lipofillings ) 

Problemi Potenziali Connessi agli Impianti Protesici 

Aumento del Seno / Mammoplastica di Aumento 

AUMENTO DEL SENO

(Mammoplastica Additiva)

Breast Enlargement
Breast Augment.1.jpeg

La Procedura

Questa procedura molto conosciuta  e pubblicizzata sui media ,  è principalmente indicata per le pazienti che desiderano aumentare le dimensioni della mammella migliorandone  la forma. Le pazienti normalmente che richiedono questi interventi , sono quelle che che hanno sempre avuto un seno di piccole dimensioni o quelle che ne hanno perso il volume del seno dopo una gravidanza. 

La procedura prevede il posizionamento di un impianto sotto il tessuto mammario. Questo può essere posizionato direttamente sotto il seno (posizionamento sub ghiandolare) o sotto il muscolo (posizionamento sub-muscolare). L'accesso al posizionamento dell'impianto può avvenire attraverso l’areola (approccio trans-aereolare) o più comunemente a livello del solco del seno (approccio infra-mammario).

Solco Mammario  

Gli impianti posizionati direttamente sotto la ghiandola mammaria , riempiono leggermente meglio la lassità dei tessuti. Può quindi  ottenersi  un "sollevamento" della mammella stessa in molti casi  leggermente migliore rispetto al posizionamento sottomuscolare. È meno disagio averlo fatto.

Posizionamento sottomuscolare

Posizionare l'impianto sotto il muscolo garantisce un maggiore spessore della copertura al di sopra dell’impianto protesico e quindi , in particolare nelle pazienti molto magre ,  può ridurre le possibilità di sentire o vedere il bordo della protesi. Il posizionamento sottomuscolare , in particolare con alcuni tipi di protesi , garantisce una minore formazione di contrattura capsulare e quindi una maggiore morbidezza nel tempo della mammella . Richiede comunque la parziale interruzione delle fibre muscolari , il che aumenta leggermente il rischio di sanguinamento nel postoperatorio.

I POSSIBILI APPROCCI INCISIONALI

Breast Augment 2.jpeg

Ascella

L'incisione a livello dell'ascella evita una cicatrice sul seno. Tuttavia,

lascia una cicatrice sotto l'ascella, che può essere visibile in alcuni

pazienti ed in alcune posizioni delle braccia . In particolare è proposta

da alcuni specialisti per il posizionamento sub-muscolare della protesi.

Solco della Mammella

Sotto la piega del seno (approccio infra-mammario) viene eseguita l’incisione e può essere utilizzata per tutti i tipi di intervento . La cicatrice in tale posizione risulterà normalmente  nascosta nella piega stessa della mammella.

Complesso Areola/Capezzolo

L'approccio incisione a livello dell’areola è proponibile quando il diametro di questa è sufficientemente grande.

Lipofilling ( innesto di tessuto adiposo autologo )

Questo metodo prevede l'utilizzo e il prelievo del grasso delle pazienti per aumentare il riempimento o il volume della mammella così come in chirurgia estetica del viso . E’ una metodica oggi largamente utilizzata  sia per scopi cosmetici che ricostruttivi.

Il grasso viene rimosso mediante liposuzione dalla regione della coscia o dall'addome, appositamente preparato e reiniettato nell'area ricevente usando piccole cannule. Questa procedura viene utilizzata sia per l'aumento del seno che per le asimmetria del seno (dimensioni del seno diverse). È anche una tecnica ben consolidata nel trattamento di difetti morfologici del seno susseguenti alla rimozione del carcinoma mammario.

Il grande vantaggio della tecnica è la capacità di migliorare permanentemente queste aree con il grasso proprio dei pazienti. Lo svantaggio è la sopravvivenza imprevedibile del grasso. Di solito sopravvive circa il 50-60% del grasso iniettato e potrebbe essere necessario ripetere il trattamento. Non ci sono praticamente cicatrici e, a seconda dell'area da trattare, viene eseguita in regime di Day Hospital in anestesia locale o generale.

L'innesto di grasso è spesso una procedura complementare  e simultanea per migliorare i risultati del contorno nell'aumento del seno e nella mastopessi con o senza posizionamento dell'impianto protesico.

Cicatrici

La qualità delle cicatrici varia a seconda delle pazienti . Le cicatrici in termini di lunghezza e visibilità dipenderanno anche dalla tecnica utilizzata . Tendono ad essere piuttosto visibili nelle prime 6 settimane evolvendo e normalmente migliorando sia per consistenza che per colore nel corso dei mesi successivi all’intervento . La maggior parte delle pazienti formerà cicatrici di ottima qualità nel tempo , potendo considerare stabile l’esito cicatriziale dopo 8-12 mesi.

Fumo

Se sei un fumatore, prova ad interrompere per un minimo di sei settimane prima e cinque giorni dopo l'intervento chirurgico in quanto può ridurre le possibilità di complicanze.

Screening del Seno, Autoesame e Tumore al Seno

Prima di qualsiasi procedura estetica  a livello del seno , a seconda dell'età del paziente, è fondamentale e irrinunciabile  eseguire un esame ecografico e / o una mammografia. Comunque non esiste un legame diretto tra le protesi al silicone e un aumentato rischio di cancro al seno. In effetti, l'incidenza del carcinoma mammario nei pazienti con protesi è addirittura leggermente inferiore. Gli impianti protesici tuttavia non interferiranno con future mammografie di screening e / o con gli esami ecografici di controllo.

Durata dell’Intervento

L’intervento  dura mediamente  1,30-2,00 ore a seconda del tipo di tecnica utilizzata per inserire gli impianti.

Notti In Ospedale

Di solito una notte, ma in casi selezionati può essere presa in considerazione una degenza di Day Hospital.

Drenaggi

Potrebbero essere necessari dei drenaggi in aspirazione . Di solito vengono utilizzati per gli impianti e vengono rimossi ambulatoriamente dopo 24-48 ore.

Reggiseno

Dovrai utilizzare un reggiseno sportivo elastico e morbido (senza ferretto) nella nuova misura prevista per la coppa. Il reggiseno dovrebbe essere comodo, pur fornendo adeguato sostegno . E’ importante utilizzare questo specifico reggiseno per le prime 4-6 settimane.

L'esercizio fisico 

L'esercizio fisico intenso (aerobica ecc.) Dovrebbe essere evitato almeno per 6 settimane.

Recupero e risultato finale

Nelle prime settimane possono essere visibili lividi e gonfiore/turgore della mammella operata . Questo durerà per 2-3 settimane. Il tuo seno sarà per 2-3 mesi leggermente turgido e più “alto” del risultato finale atteso , ma si ammorbidirà e diventerà più naturale nel tempo, continuando a migliorare progressivamente per i primi 6 mesi.

Controlli postoperatori

Anche dopo le prime 2-3 settimane, il follow-up è importante sia a 3 che a 6 e 12 mesi dopo l'intervento.

Potenziali Complicanze Connesse all’Aumento Protesico della Mammella 

Questo è  un intervento con eccellenti prospettive di risultato nella  stragrande maggioranza delle pazienti. Tuttavia, come in ogni procedimento chirurgico , è molto importante capire le potenziali complicanze.

  • Perdita o alterazione della sensibilità del capezzolo: è comune inizialmente avere una perdita di sensibilità anche solo in una mammella dopo l'intervento chirurgico, ma si recupera col tempo nella stragrande maggioranza delle pazienti. Meno del 5% delle pazienti potrà avere una diminuzione/perdita permanente della sensibilità del capezzolo.

 

  • Asimmetria residua : la quasi totalità delle donne ha seni di morfologia/dimensioni diverse . Tuttavia, dopo l'intervento chirurgico è possibile che un seno o un capezzolo siano leggermente diversi dall'altro lato.

 

  • Cicatrici: la qualità delle cicatrici varia tra le diverse pazienti.

 

  • Riapertura ( deiscenza ) della ferita chirurgica : sebbene possibile, è statisticamente molto rara.

 

  • Sanguinamento: Il rischio di formazione di un ematoma che richieda la necessità nelle prime 24 ore dall’intervento di essere drenato in sala operatoria è raro ed intorno al 2% dei casi .

 

  • Allattamento al seno: circa l'80% delle donne è ancora in grado di allattare dopo l’intervento chirurgico.

  • Infezione: molto rara ma se si verifica un'infezione può essere indicata la rimozione degli impianti.

  • ALCL: un tipo linfoma localizzato molto raro , è stato nell’ultimo decennio associato ad alcuni tipi di impianti prevalentemente ad alta testurizzazione . Di solito si presenta con gonfiore del seno , con la presenza significativa di una raccolta di siero  e si verifica in circa 1 caso su 5.000 fino ad 1 su 100.000 casi a seconda del tipo di impianto.

 

  • Sieroma: possono verificarsi piccole raccolte di fluidi attorno agli impianti e di solito non sono clinicamente rilevabili. I seromi più grandi potrebbero aver bisogno di essere aspirati con un ago. La maggior parte sarà benigna, ma molto raramente potrebbe essere un segno di ALCL, quindi verrebbero eseguiti degli specifici tests.

  • Per le ulteriori problematiche potenziali connesse all'impianto protesico  e  alla formazione della contrattura capsule (indurimento dell'impianto), consultare la sezione "Impianti mammari”.

Breast reduction

RIDUZIONE DEL SENO

(Mastoplastica Riduttiva)

Breast Lift_Reduction Incisions.png

La Procedura

Ci sono molti problemi connessi a seni grandi o pesanti, tra cui il disagio psicologico , dolore al collo e alle spalle anche connessi ad atteggiamenti posturali ,  mal di schiena e irritazioni della pelle. Il paziente può riferire difficoltà con l'esercizio fisico e nel trovare vestiti / biancheria intima adatta . 

Esistono diversi tipi di riduzione del seno. Durante la visita verrà discusso il tipo di intervento più adatto per la paziente in base alle dimensioni del seno e alle esigenze specifiche. Le cicatrici e il tipo finale di forma varieranno in base al tipo di tecnica utilizzata. Una riduzione di dimensioni e forma si ottiene sollevando / riposizionando il capezzolo, mentre è ancora collegato al seno, rimuovendo la pelle in eccesso del seno e quindi rimodellando i tessuti rimanenti in un seno più piccolo e sollevato.

Cicatrici

Le cicatrici dipenderanno dalla tecnica utilizzata (come sopra). Tendono ad essere abbastanza arrossate nelle prime 6 settimane, normalizzandosi per colore e consistenza progressivamente nei mesi successivi . Durante questo periodo consigliamo di tenere l'area al riparo dalla luce solare intensa. La maggior parte delle pazienti tende a formare cicatrici di ottima qualità nel tempo. Alcune più rapidamente, altre impiegano più tempo o possono formare in qualche caso cicatrici più spesse e di più scadente qualità.

Fumo

Se la paziente è fumatrice è fondamentale provare a smettere per 3 mesi prima dell'intervento chirurgico per ridurre al massimo la possibilità di complicanze.  

                                                       

Lunghezza della Chirurgia

L’intervento dura mediamente fra  2,30 - 4,00 ore a seconda del tipo di tecnica utilizzata e delle dimensioni del seno.

Ricovero

Di solito una notte di degenza è sufficiente.

Drenaggi

I drenaggi aspirativi non sono usualmente richiesti con  questo intervento . Se utilizzati, rimarranno in sede per 24-48 ore.

Reggiseno Specifico 

Dovrà essere utilizzato un reggiseno sportivo elastico (senza ferretto) nella nuova misura prevista per la coppa. Il reggiseno dovrebbe essere comodo, pur fornendo supporto. Sarai in grado di indossare un normale reggiseno dopo 8 settimane; questo dovrebbe essere adattato correttamente alla nuova forma e dimensione del tuo seno.

Periodo Postoperatorio

Il recupero postoperatorio può essere variabile tra diverse pazienti. Le pazienti con lavori fisici altamente attivi possono richiedere a scopo precauzionale un periodo più lungo prima di rientrare al lavoro.

Esercizio Fisico 

L'esercizio fisico intenso (aerobica ecc.) dovrebbe essere evitato per almeno 6 settimane.

Recupero e Risultato Finale

Sono prevedibili lividi e gonfiore delle mammelle trattate e permarranno per  2-4 settimane. È abbastanza comune notare delle perdite ematiche o di poco siero dalle ferite chirurgiche durante la prima settimana dopo l’intervento. A questo punto il seno sarà più turgido e più alto del risultato finale atteso. Entro 4-6 settimane il seno sarà molto più morbido e dovrebbe già essere visibile una buona forma. L’assestamento e il miglioramento di forma e consistenza sarà progressivo per 6-12 mesi.

Potenziali complicanze con la riduzione del seno

  • Questo è un intervento di grande successo per la stragrande maggioranza delle pazienti. Tuttavia, come in ogni procedura, le potenziali complicanze sono elencate di seguito.

  • Perdita della cute del capezzolo / areola: questo è estremamente raro (meno dello 0,5%) e si verifica se l'afflusso di sangue al capezzolo è insufficiente . Sebbene raro, questo rischio è aumentato in qualsiasi paziente fumatrice , dall'obesità e dalla fascia etaria più avanzata. Vi è anche un rischio maggiore se la riduzione è effettuata per seni molto grandi.

 

  • Perdita o alterazione della sensibilità del capezzolo: ciò si verifica nel 20% dei pazienti e può interessare normalmente solo un lato. Il rischio è aumentato per i pazienti con seno molto grande.

  • Asimmetria rimanente: la maggior parte delle donne ha un seno di dimensioni diverse ed è probabile che l’intervento migliori la simmetria. Tuttavia, dopo l'intervento chirurgico è possibile che un seno o un capezzolo siano leggermente diversi dall'altro lato.

  • Cicatrici: la qualità delle cicatrici varia a seconda delle pazienti.

  • Riapertura ( deiscenza ) della ferita: le pazienti sottoposte a riduzione del seno possono avere problemi con la guarigione della ferita, specialmente a livello del solco della mammella . Ciò si verifica in circa il 5% dei pazienti e richiede alcune settimane per guarire.

  • Sanguinamento: un ematoma può verificarsi a livello del seno operato ( circa 1% dei casi ) , il che potrebbe richiederne nelle prime 24 ore dopo l’intervento , la sua rimozione in sala operatoria.

  • Infezione: abbastanza rara nella mastoplastica riduttiva , ma qualora  si verifichi sarà necessario un ciclo di antibiotici.

Mastopexy

SOLLEVAMENTO DEL SENO

 (Mastopessi)

Un lifting del seno (Mastopessi ) è indicato per le pazienti che non sono soddisfatte della forma del loro seno, di solito perché sentono che il seno è troppo cadente ( ptosico ) ancorché con una dimensione accettabile del seno stesso . Pregresse gravidanze , perdite di peso corporeo , l’età più avanzata , possono essere all’origine di questo problema . In alcuni casi, con associato un deficit volumetrico , il rimodellamento del seno può essere associato ad un suo aumento di volume.

 

La Procedura

Esistono tipi diversi di operazioni di rimodellamento del seno (Mastopessi ). Durante la visita verrà discussa il tipo di procedura più adatta per la paziente, in base alle dimensioni del seno, alla quantità di pelle eccedente  e all'utilizzo di un impianto. Le cicatrici e il tipo finale di forma varieranno in base allo tipologia della tecnica utilizzata.

 

Cicatrici

Le cicatrici dipenderanno dalla tecnica utilizzata (come sopra). Possono presentarsi abbastanza arrossate  nelle prime 6 settimane normalizzandosi per colore e consistenza progressivamente nelle settimane seguenti . La maggior parte delle pazienti forma comunque cicatrici di ottima qualità nel tempo. Il periodo di tempo varia da individuo a individuo, alcuni pazienti possono impiegare più tempo o anche formare cicatrici più sollevate e visibili . La cicatrice peri-aereolare tende a guarire molto bene.

 

Fumo

La paziente fumatrice dovrebbe smettere per un minimo di sei settimane prima e cinque giorni dopo l'intervento chirurgico in quanto può così ridurre le possibilità di complicanze.

Durata dell'Intervento

Usually one night. In selected cases can be proposed a Day Surgery approach.

Durata del Ricovero 

Di solito una notte. In casi selezionati può essere proposto un regime di  Day Hospital . La maggior parte dei punti di sutura utilizzati è riassorbibile .

Drenaggi 

È comune posizionare un piccolo drenaggio chirurgico per 24-48 ore in caso di utilizzo di materiale protesico . Normalmente non è sempre necessario un drenaggio in caso di Mastopessi senza protesi .

Reggiseno Specifico

E’ previsto l’utilizzo per 6-8 settimane di un reggiseno sportivo elastico (senza ferretto) nella nuova misura per la coppa. Il reggiseno dovrebbe essere comodo, pur fornendo adeguato supporto.

Esercizio Fisico

L'esercizio fisico intenso (aerobica ecc.) Dovrebbe essere evitato per 6 settimane.

Periareolar Mastopexy.png

Periareolar Mastopexy

Circumvertical Mastopexy.png

Circumvertical Mastopexy

Inverted T Mastopexy.png

Inverted T Mastopexy

ASIMMETRIA DEL SENO

Asimmetria del Seno

Come trattare le dimensioni del seno disuguali? È normale che le donne abbiano delle differenze nelle dimensioni di ciascun seno. Tuttavia, per alcune donne, la differenza è molto maggiore sia nelle dimensioni che nella forma di ciascun seno. Questa eventualità può far sentire una giovane donna estremamente insicura , oltre a causare difficoltà con la vestibilità di abiti e reggiseno .

Molto può essere fatto per migliorare le dimensioni e la forma disuguale del seno. Diversi approcci sono utilizzati in una combinazione di tecniche tra cui riduzione del seno, mastopessi (sollevamento del seno), aumento volumetrico con protesi, trasferimento di grasso e anche in casi selezionati , soluzioni ricostruttive con un espansore temporaneo e protesi mammarie.

Tipi di Asimmetria

Esistono tre tipi principali di asimmetria:

Asimmetria Mammaria di Sviluppo

Questo è il tipo più comune in cui entrambi i seni hanno una forma normale ma sono semplicemente di dimensioni diverse. Altra problematica  comune in questo gruppo è quello di avere un seno piccolo di aspetto  conico e un seno più grande ma ptosico.

Seno Tuberoso

Questo tipo di deformità  causa comunemente una mammella con una base molto ridotta comportando in sostanza un seno cadente ( ptosico ) piccolo ma con una areola di grande diametro.

Sindrome di Poland

Questa deformità si caratterizza dalla atrofia parziale o totale dei i muscoli toracici sottostanti e talvolta anomalie  la gabbia toracica e delllo sterno.

Cosa Si Può Fare

Ciò dipenderà dalle dimensioni e dalla forma del seno . Se il problema è solo una questione di dimensioni, ci sono tre opzioni:

• La prima opzione è quella di ingrandire il seno più piccolo con un impianto o con trasferimento di grasso ( Lipofilling/Fat Grafting ).

• La seconda scelta è quella di ridurre il seno più grande con una mastoplastica riduttiva . Questo comporterà delle cicatrici sul seno ma tende a dare una soluzione probabilmente più stabile nel tempo e senza le variabili connesse comunemente all’utilizzo di protesi mammarie.

• Ulteriore opzione  è quella di poter utilizzare la stessa tecnica su entrambi i lati (riduzione/mastopessi del seno o aumento volumetrico differenziato ) per ottenere una migliore simmetria.

PROBLEMI CONNESSI ALLE PROTESI MAMMARIE

Problemi di Protesi Mammarie e Loro Correzione

I pazienti che hanno protesi mammarie possono presentare una varietà di problemi. Questi possono riguardare l'impianto stesso (inclusi indurimento o formazione di capsule, rottura, rughe eccessive, dimensioni errate) o un cambiamento nella pelle sovrastante l'impianto (pelle o cadenza del capezzolo, cicatrici di scarsa qualità). A volte può essere una combinazione di problemi ed è importante avere un chirurgo qualificato ed esperto per eseguire questa procedura impegnativa.

 

“Indurimento” delle Protesi Mammarie (Contrattura Capsulare)

Ciò si verifica quando il corpo forma uno strato di cicatrice attorno all'impianto che continua ad aumentare. Sebbene non sia di per sé pericoloso, progredirà per un periodo di tempo. Circa il 10% dei pazienti forma capsule per un periodo di 10 anni e un piccolo numero le sviluppa molto prima. Alcuni tipi di impianti, come quelli ricoperti in poliuretano, possono presentare un rischio inferiore di indurimento.

Le opzioni per il trattamento comprendono la rimozione dell'impianto e del tessuto cicatriziale, in alcuni casi per modificare la posizione dell'impianto e sostituirlo con un nuovo impianto. Se viene installato un nuovo impianto, di solito dovrà avere dimensioni leggermente maggiori. È importante notare che dopo aver rimosso l'impianto la cicatrice finale può essere più grande.

 

Un'altra opzione è quella di rimuovere l'impianto e quindi rimodellare il seno rimanente utilizzando un lifting del seno (mastopessi). Questa è un'eccellente forma di trattamento se il paziente ha abbastanza tessuto mammario per ottenere una forma del seno adeguata . Se la pelle è molto rilassata in presenza di contrattura capsulare, si può prendere in considerazione una combinazione di un nuovo impianto e un lifting del seno.

Rottura dell'Impianto

Ciò comprensibilmente causa molta preoccupazione alle pazienti. È importante notare che anche gli impianti della migliore qualità hanno comunque un rischio di rottura nel tempo anche se minimo . Mentre può essere molto allarmante, di solito non è un'emergenza e potrebbe essere eseguita in un lasso di tempo compatibile con le esigenze della paziente.

Rottura Intracapsulare

Ci sono oltre 40 anni di esperienze cliniche e scientifiche su larga scala  che dimostrano che le protesi al silicone in particolare sono molto sicure. Quando questo tipo di impianto si rompe, il silicone può trovarsi all'interno della capsula cicatriziale (nota come rottura intracapsulare) . In questo caso ci saranno pochi segni di rottura ed è meno probabile che causino problemi a breve termine.

Rottura Extracapsulare

Nei casi più gravi la rottura può fuoriuscire nel contesto della mammella e diffondersi (una rottura extracapsulare). Quando si verifica quest'ultimo, l'impianto deve essere sempre rimosso poiché può diventare problematico con la formazione di grumi di silicone (granuloma di silicone), depositi di silicone nelle ghiandole linfatiche , potenziali deformità della mammella e infezioni.

Cicatrici Allargate o di Scarsa Qualità

A seconda dello scenario, il seno può essere sollevato e le cicatrici corrette contestualmente . Anche gli impianti possono essere sostituiti contemporaneamente in caso di necessità.

Visibilità delle “Pieghe” della Protesi ( Rippling )

È più comune nelle pazienti con scarso spessore dei tessuti del seno al di sopra della protesi e pertanto più frequente nei casi di posizionamento sottoghiandolare rispetto ai posizionamenti in sede sottomuscolare .

Esistono varie opzioni di trattamento tra cui: Sostituzione dell'impianto con un'ultima generazione di impianto a più alta consistenza.Trasferimento dell'impianto esistente al di sotto del muscolo.

Tecniche di trasferimento del grasso che potrebbero rendere la pelle più spessa e pertanto meno visibili le “pieghe” della superficie protesica stessa.

Utilizzo di ADM o Mesh (reti speciali di materiale biologico o sintetico ) posizionati al di sopra dell’impianto impianto nell'area interessata con la finalità di aumentare lo spessore dei tessuti e quindi “coprire” le increspature della superficie protesica.

TRASFERIMENTO DI GRASSO

Finalità del Trasferimento di Grasso a Livello del Seno 

Le iniezioni di tessuto adiposo ( Fat Grafting o Lipofilling )  vengono utilizzate spesso in combinazione con gli interventi di aumento volumetrico del seno (aumento con protesi), mastopessi ( con o senza protesi ) e negli interventi per asimmetria delle mammelle. 

Questa procedura migliora la forma, il riempimento e il contorno del seno reinnestando  il grasso proprio delle pazienti prelevato attraverso le tecniche di lipoaspirazione/liposuzione. Questo trattamento, sia a fini cosmetici che ricostruttivi, può essere utilizzato anche nella chirurgia etica e ricostruttiva facciale . È altresì una utilissima tecnica per i difetti o le eventuali “depressioni" del contorno mammario connesse a varie forme di trattamento chirurgico del carcinoma mammario.

I risultati di questo trattamento sono permanenti, tuttavia la quantità di grasso che sopravvive permanentemente può non essere prevedibile. Di solito sopravvive il 50%-60% del grasso trasferito e quindi il trattamento può richiedere di essere ripetuto a distanza di qualche mese per ottenere i risultati desiderati.

L’Intervento in Breve

La procedura verrà eseguita in day hospital in anestesia locale o generale a seconda delle dimensioni dell'area da trattare. Il grasso viene prelevato di solito dall'addome con la liposuzione. Dopo l'estrazione, il grasso viene appositamente preparato e reiniettato nel seno usando piccole cannule. Non ci sono praticamente cicatrici sia a livello delle regioni “donatrici” sia nelle aree cosiddette “riceventi” della mammella.

Aumento del Seno con Iniezione di Grasso

La procedura può modificare in modo permanente le dimensioni del seno ed è particolarmente indicata se il paziente sta già considerando una liposuzione a livello delle delle cosce o dell'addome. Il vantaggio di questo trattamento rispetto alle protesi mammarie è che il seno avrà una consistenza molto naturale.

It is important to understand that the fat is injected under the skin and breast and not actually into the breast tissue itself. This is to prevent any changes to the appearance of the breast on future scans or X-rays in the future. The scars upon the breast are extremely small and are not noticeable over time. There are small 3-4mm scars for the liposuction on the tummy or thighs.

È importante capire che il grasso viene iniettato nello strato sottocutaneo e non nel tessuto mammario stesso. Questo anche per non interferire con le eventuali future procedure diagnostiche/radiologiche della mammella stessa  . Come già ricordato , sia per il prelievo che per la reiezione del grasso residuano solo minime cicatrici da 3-4 mm.

Non è possibile però ottenere grandi volumizzazioni del  seno in un unico intervento . Ripetere l’intervento a distanza minima di 3-4 mesi è possibile se si desidera incrementare ulteriormente i parametri volumetrici . A seguito dell intervento la quota di  grasso trasferito e integrato dopo  3-4 mesi è considerato permanente. La procedura richiederà circa da 30min a 2 ore  a seconda dei casi .

Di solito è un intervento eseguibile in Day Hospital o al massimo con il ricovero di una notte. 

Recupero Postoperatorio 

Il seno presenterà lividi e gonfiori evidenti  per circa 2-3 settimane; anche l'area sottoposta a  liposuzione (aree donatrici: cosce o addome) richiederà lo stesso tempo per il recupero.

Reggiseno

Dovrà essere utilizzato  per circa 6 settimane , un reggiseno sportivo morbido (senza ferretto) nella nuova misura prevista per la coppa. Il reggiseno dovrebbe essere comodo, pur fornendo adeguato supporto.

Esercizio Fisico 

I pazienti devono evitare un intenso esercizio fisico fino al completo recupero (4-6 settimane)

Potenziali complicanze con i trasferimenti di grasso.Questa è considerata ad oggi una procedura di routine  e per la stragrande maggioranza dei pazienti offre eccellenti risultati.

Potenziali Complicazioni con Trasferimento di Grasso 

Formazione di cisti: parte del grasso iniettato ha una piccola possibilità di trasformarsi in una cisti. Sebbene ciò non sia pericoloso, potrebbe potenzialmente apparire in una futura mammografia o ecografia  - e quindi essere motivo di preoccupazione prima di essere correttamente identificato. Tuttavia, l'evidenza della ricerca dimostra che eventuali piccole cisti sono di solito molto ben identificabili come tali.

  • Tumori della mammella : Non sussistono prove scientifiche né studi clinici su vasta scala che indichino che il trasferimento di grasso che viene reinserito al di sotto della cute mammaria aumenti il rischio di tumore al seno. Chirurghi esperti e qualificati reinseriscono infatti il grasso  non direttamente nel tessuto ghiandolare minimizzando ulteriormente i rischi di qualsiasi effetto avverso.

  • Sanguinamento o infezione.

  • Perdita di volume a causa di un riassorbimento eccessivo del grasso trasferito.

  • Alterata sensibilità del capezzolo.​

bottom of page